Condividi su
Home » Ente Gestore

Storia

Come Nasce il Parco

Un torrente, un'area verde vasta quasi mille ettari, nove amministrazioni comunali e un Consorzio per il Risanamento Idrico: questi gli ingredienti che rendono unico nel suo genere il Parco Locale di Interesse Sovracomunale del Lura. I Comuni appartenenti al Consorzio che abbracciano quest'area protetta attraversata dal torrente del Lura sono ben dodici: Bregnano, Cadorago, Caronno Pertusella, Cermenate, Cassina Rizzardi, Garbagnate milanese, Guanzate, Lainate, Lomazzo, Rovellasca, Rovello Porro e Saronno.

Nel 1975 le nove amministrazioni comunali, con l'intento di difendere la vallata che si trova ai margini del torrente Lura, si riuniscono per la prima volta in un consorzio di depurazione che, con risorse proprie e finanziamenti regionali e statali, realizza 30 km di grandi collettori fognari per raccogliere i reflui delle industrie e dei centri abitati nel grande depuratore situato a Caronno Pertusella.

La volontà di creare il Parco nasce negli anni '80, dalla passione degli amministratori impegnati nella realizzazione del progetto di depurazione delle acque. Nei primi anni si opera per rendere omogenei i piani delle singole amministrazioni sul tema ambientale, con la successiva definizione della  perimetrazione del territorio del Parco. Nel 1995 vi è il riconoscimento da parte della Regione Lombardia, con la conseguente concretizzazione dell'idea del Parco.

All'inizio del 2000 nasce uno specifico Consorzio per la gestione del Parco e nel maggio dello stesso anno ne viene eletta la prima struttura direttiva. Dal 1997 al 2000 il Parco è gestito dal Comune di Cadorago, attraverso una convenzione tra comuni, iniziando così a porre le basi per quello che oggi è il Consorzio di gestione.

Negli ultimi anni le associazioni e i gruppi di volontari  hanno svolto un ruolo essenziale nella cura e nella conservazione dell'area: attraverso manifestazioni, eventi, incontri ed escursioni hanno instaurato un contatto diretto e costante tra il Parco stesso e i suoi visitatori, con l'obiettivo di combatterne il degrado ambientale e di preservare le valenze paesaggistiche, la flora, la fauna, le cappellette votive e gli antichi cascinali.
rimessaggio del fieno a Bulgorello - prima metà del '900
rimessaggio del fieno a Bulgorello - prima metà del '900
(foto di Archivio Parco del Lura)