Condividi su
Home » Il racconto di un fiume

Zoom sul Lura

La tecnologia è in grado oggi di trasmetterici immagini dallo spazio che ci restituiscono la realtà del nostro territorio, mediante sofisticati strumenti selettivi che assicurano la scientificità dei dati; le immagini satellitari sono prive così di libere interpretazioni comunicative, verificabili da chiunque sul web.

L'immagine agli infrarossi riportata in allegato rappresenta il quadrante ricompreso fra Milano e le Prealpi di Varese e Como. Il Parco Lura è rappresentato con il perimetro giallo. E' una fotografia ripresa il 21 giugno 2001 dal satellite Landstat 7, nel quadro di un progetto Nasa/Università del Maryland (bande infrarosso rubino, rosso, verde). A primavera i terreni in attualità di coltura sono nel massimo rigoglio e pertanto le aree agricole e quelle forestali assumono la maggiore intensità dei toni rossi; le aree più sterili, improduttive e impermeabili vengono restituite in colore grigio verde: fra queste tutti i suoli urbani, poiché sono aree biologicamente "desertiche".
In esse la biodiversità è minima e nullo è l'intercambio fra suolo e soprassuolo, in altre parole non sono produttrici di fotosintesi e quindi di ossigeno.

Il Parco Lura rappresenta un corridoio ambientale in mezzo al territorio metropolitano, a metà strada fra il Parco regionale della Pineta di Appiano Gentile e quello delle Groane.