Condividi su
Home » Il racconto di un fiume » Lura futura

Compensazioni ambientali nei Comuni di Bregnano, Lomazzo e Rovellasca

Compensazioni per la realizzazione del Sistema Autostradale Pedemontano

Il Sistema Autostradale Pedemontano Lombardo prevede PROGETTI COMPENSATIVI e mitigativi degli impatti ambientali causati dalla realizzazione dell'infrastruttura viabilistica. I progetti locali di riqualificazione ambientale prevedono interventi situati nei parchi e nei comuni attraversati dalla strada che rafforzano i sistemi ambientali nord-sud e supportano il disegno di corridoio est-ovest della Greenway. I Comuni di Lomazzo, Bregnano e Rovellasca hanno espresso la volontà di prevedere una progettazione unitaria degli interventi locali in linea con quanto già approvato dal C.I.P.E. "Un parco per la città infinita". Tale masterplan prevedeva, oltre alla realizzazione della "Greenway", progetti locali e misure compensative che, per il territorio in esame sono:

  • nel Comune di Bregnano, il Progetto Locale n. 10 e la Misura Compen­sativa n. 11;
  • nel Comune di Lomazzo, i Progetti Locali n. 9 e 10;
  • nel Comune di Rovellasca, il Progetto Locale n. 9.

La Misura Compensativa n. 11 interessa anche il Comune di Cermenate, per il quale il Consorzio ha già redatto un progetto di connessione ecologico-fruitiva con il Parco della Brughiera Briantea.

Si tratta di un insieme di progetti che vadano a creare un insieme di percorsi e connessioni lungo la valle del Lura, tra le diverse aree verdi del parco e dei campi e con i centri abitati.

Anello Verde nel Comune di Bregnano - L'obiettivo del progetto è quello di costruire un itinerario fra Bregnano ed il Parco del Lura, che metta in relazione le porte del Parco, le aree di fruizione e di interesse naturalistico esistenti, i parcheggi esistenti. L'anello verde di Bregnano è costituito da diversi tratti in parte minore in ambiti urbani, in parte preponderante in ambiti naturalistici e agricoli. Alcuni tratti dell'anello sono stati realizzati o saranno realizzati come opere a scomputo di ambiti di trasformazione in fase di realizzazione o approvati.

A partire da nord il progetto prevede la riqualificazione di un tratto di percorso esistente del Parco e la sistemazione della roggia Murella, che affianca il percorso che lo rende spesso impraticabile.

Il percorso proseguirà a sud della lottizzazione prevista all'interno del corridoio verde della roggia Muralla a carico dei lottizzanti fino a via Kennedy e da qui lungo via Resegone, sempre a carico di una lottizzazione per collegarsi alle opere di compensazione di Autostrada Pedemontana Lombarda del corridoio fra Cermenate e il Parco della Brughiera Briantea.

Più a sud l'anello percorre alcuni tratti di strade esistenti a basso traffico e una serie di vicinali esistenti da riqualificare.

I percorso affianca, quindi, un'aera naturalistica con aree umide e il Laghetto per pesca sportiva Rosorè e l'attiguo parcheggio, che può costituire una nuova porta del Parco.

Da qui il percorso prosegue su una vicinale che necessita di un importante opera di riqualificazione a causa di ruscellamenti. Il percorso prosegue in area agricola con tracciato da realizzare ex novo al margine dei lotti fino a riconnettersi con una nuova strada di accesso ad una lottizzazione ed ad un'area su cui è previsto un parcheggio, su via Risorgimento, dove si incrocia con la pista ciclabile esistente. Si prevede un attraversamento protetto su via Risorgimento e la riqualificazione di una vicinale agricola.

Il tracciato rientra in ambito urbano per un tratto in promiscuo su via Fappora. Sulla rotonda della SP 32 deve essere realizzata un'opera consistente per la messa in sicurezza dell'attraversamento. Il percorso prosegue su via San Rocco rimodulando il marciapiede esistente ed in promiscuo su via Prava, fino a riconnettersi alla rete di fruizione del Parco del Lura esistente.

Corridoio Moronera - Lura – Battù - Il percorso ciclocampestre fra Bregnano e Lazzate parte dalla rete ciclocampestre esistente del Parco del Lura e si distacca appena a nord del tracciato dell'autostrada, utilizzando vicinali esistenti. Il tracciato prosegue, poi, su una piana agricola ad est della valle in parte in ambito agricolo ai margini dei campi in parte su vicinale esistente in ambito agricolo costeggiando orti e frutteti. A nord della piccola piana agricola si prevede la realizzazione di una fascia boscata che separi l'area industriale da quella agricola e vada a costituire una connessione verde est ovest fra i boschi della valle del Lura e boschi del Battù. Il percorso oltrepassa, quindi la SP 31 e costeggia affiancato dal nuovo bosco l'area produttiva esistente, tornando, quindi, a seguire la vicinale esistente affiancata a nord da un una siepe. Il percorso ciclocampestre segue, quindi, la viabilità esistente a sud affiancato da una siepe verso la strada e un da un filare di gelsi sul lato campagna. Qui il percorso ciclabile prosegue in affiancamento alla viabilità esistente su un percorso realizzato contestualmente all'opera connessa di sottopasso della nuova viabilità complementare, fino a collegarsi al percorso ciclabile previsto nel progetto locale di compensazione n° 12.

Greenway - Parco Somaini - Roccolo in Comune di Lomazzo - tratto di connessione fra greenway, il parco della ex cotonificio Somaini, la stazione ferroviaria, il polo scolastico e il complesso del Roccolo prevede la realizzazione di interventi con la finalità di qualificare gli spazi urbani mediante una serie di operazioni di riorganizzazione ed adeguamento della rete stradale esistente per realizzare una parte del sistema urbano di mobilità lenta, nonchè una parte di riqualificazione del Parco dell'ex cotonificio Somaini e di connessione con le aree agricole del Parco del Lura.

La tratta più urbana viene realizzata prevalentemente con interventi leggeri di segnaletica verticale ed orizzontale, introduzione di sensi unici, segnalazioni di direzione, ed in misura limitata tramite il ridisegno dei marciapiedi, delle aree di sosta e delle aiuole, in particolare su viale Trento. Particolare attenzione viene posta alla messa in sicurezza degli attraversamenti stradali e alla connessione fra stazione e servizi urbani.

All'interno del Parco dell'ex cotonificio il progetto prevede di agganciarsi alle progettualità in essere coordinate da Como NEXT che vedranno la riqualificazione dell'asse storico con la manutenzione delle alberature esistenti, ripiantumazione delle fallanze, riqualificazione del viale, la creazione di un anello ciclopedonale, nuovi filari, la realizzazione di un bosco urbano e la riqualificazione del manto erboso.

Vengono inoltre pervisti due ponti ciclopedonali per superare via Cavour (luce di 15 metri) e la SP 32 (luce di 38 metri). Entrambe le passerelle sfruttano la differenza di quota esistente fra strade e aree agricole (circa 3 metri) per limitare la lunghezza delle rampe di accesso.

Greenway - bosco della Moro Nera - Rovellasca
Il progetto prevede la realizzazione di un percor­so ciclocampestre, affiancato da filari, realizzato in calcestre per tutta la sua estensione, a partire dall'in­tersezione con il percorso della Greenway che corre su una lunga vicinale est ovest, che taglia la piana ag­ricola di Lomazzo. Da qui si sviluppa verso sud sempre su vicinale esistente affiancato da un filare colonnare, che segna verticalmente l'antico tracciato agricolo consortile, oggi in parte interrotto, e accompagna la visuale verso la massa boscata della Moronera. All'in­gresso del bosco il percorso di adatta alle geometrie delle vicinali esistenti, per le quali è previsto il rifaci­mento del fondo, attualmente particolarmente argil­loso e solcato. Superata l'autostrada con un tratto in promiscuo sul sovrappasso di APL, il percorso ciclo­campestre continua con le medesime caratteristiche geometriche del tratto nel bosco a nord, fino ad uscire dal bosco e proseguire verso Rovellasca su vicinale es­istente fino ai margini dell'edificato in prossimità del cimitero.

Polo scolastico e connessione Lazzate in Comune di Rovellasca
Il percorso prevede la connessione di una serie di piste esistenti, ma non consecutive, che permettono di realizzare un itinerario protetto fra il centro storico, il sistema scolastico e sportivo al margine est dell'edificato e da qui verso la ciclabile extraurbana per Lazzate lungo la via Vittorio Emmanuele. Nel dettaglio il progetto prevede la realizzazione di un tratto ex novo su area di proprietà pubblica fra la ciclopedonale recentemente realizzata proveniente dal centro storico e la ciclopedonale esistente su via Marchesi Crivelli. Questo breve tratto assume una grande rilevanza in relazione al progetto di completamento delle aree a servizi e delle scuole. Il percorso ciclopedonale affiancato da un filare andrebbe così a strutturare gli spazi aperti. Si prevede la messa in sicurezza ed il completamento dell'attraversamento davanti alle scuole e la connessione con la ciclabile esistente su via A. Volta. In questo punto il progetto prevede l'acquisizione di un breve tratto di area privata al margine della strada, all'interno di un ambito di trasformazione del PGT. Lungo via Volta verso est si prevede la riduzione della carreggiata, la realizzazione di una pista ciclabile in sede protetta in corrispondenza della careggiata nord, la rinaturalizzazione di una porzione di strada esistente sul tratto finale di via A. Volta. Da qui la pista si riconnette con la ciclabile prevista da APL in fianco alla viabilità complementare.

Costo complessivo: € 2.757.660,00

Stato di attuazione: progettazione definitiva

Masterplan di progetto
Masterplan di progetto
(foto di Archivio Parco del Lura)