Condividi su
Home » Il racconto di un fiume » Lura futura

Qualificazione e valorizzazione della Cascina Vigna e delle sue pertinenze nella Città di Saronno

L'area dove è localizzata la Cascina Vigna è oggi un'area periferica del Comune di Saronno. Il sito si trova in una posizione periurbana, in uno stretto legame con la città, che ne valorizza e amplifica le sue possibilità di utilizzo e nel contempo in diretto rapporto con l'area del PARCO URBANO E TERRITORIALE DI SARONNO. Il progetto prova a volgere in positivo questo stato di abbandono e di marginalità, cogliendo le potenzialità dei nuovi spazi aperti così come elaborato nell'ambito dello STUDIO DI FATTIBILITÀ redatto dal Politecnico di Milano - DASTU - con il contributo di Fondazione Cariplo.

In questo nuovo disegno dello spazio la Cascina ritrova una propria identità e riconoscibilità territoriale, rimarcando lo stretto legame con la campagna e con il Parco attraverso una rete di percorsi che li collega. Un tracciato nord-sud corre lungo le aree boscate esistenti e i campi che diventeranno parte integrante del disegno del parco, strutturando un rinnovato paesaggio agreste a cui si aggiungerà una serie di alberature.

Il progetto è occasione quindi di riflessione sia sul tema di salvaguardia e recupero di suolo, che sul tema della riconfigurazione degli spazi aperti urbani nelle frange periurbane come strumento di ridefinizione del margine edificato. Salvaguardare la Cascina e le sue pertinenze significa tutelare un'ampia fascia di territorio, quindi poter legare un progetto di riqualificazione a scala territoriale sovracomunale ad un progetto di riqualificazione alla piccola scala che investe direttamente la cittadinanza e il suo vivere a contatto con la natura.

La Cascina della Vigna è il cardine intorno a cui è stato creato l'intero progetto di riqualificazione e ruralizzazione dell'area. In aggiunta al corpo della Cascina, si realizza un corpo in ampliamento verso Est formalmente in linea con il fabbricato esistente e atto a soddisfare i requisiti in termini di spazi ai bisogni espressi in sede di coprogettazione.

L'intervento prevede di mantenere gli aspetti formali e morfologici della C.na della Vigna, ma con una tecnologia atta al risparmio energetico ed alle più recenti normative di efficentamento edilizio, ampliando gli spazi al piano terreno e realizzando un blocco scala vetrato.

Il blocco della Cascina della Vigna, assieme al primo piano, al corpo scala e ad una parte dell'ampliamento, è un ambiente unico senza partizioni destinato al ristoro, al quale si accede da un ingresso nel blocco del vano scala posto in asse al viale ciclocampestre con andamento nord-sud parallelo a via Togliatti. Dall'ingresso si può optare per dirigersi in tre diverse direzioni: entrare nella Cascina della Vigna, entrare nel blocco di ampliamento oppure proseguire al primo piano della Cascina attraverso le scale o con il montacarichi posto di lato all'entrata.

Sui lati dell'edificio vi è uno spazio dove poter collocare sedie e tavolini direttamente nello spazio esterno. La parte superiore dell'edificio prevede uno spazio chiuso al coperto all'interno del blocco della Cascina adibita al ristoro, mentre la copertura piana del blocco di ampliamento consente l'uso nelle stagioni calde come terrazzo sopraelevato che prospetta sull'intera area del Parco.

Il blocco dei servizi igienici sanitari è disposto in testa all'edificio per permettere l'uso sia dall'interno del ristoro, che dall'esterno. Sempre dall'esterno è fruibile l'info-point dove potranno essere noleggiate le biciclette presenti nel deposito adiacente.

Superficie interessata: 36.000 mq

Costo complessivo: € 375.000,00

Stato di attuazione: in fase di realizzazione

Viste di progetto
Viste di progetto
(foto di PR Lura)