Condividi su
Home » Il racconto di un fiume » Il cantiere Lura

Dalla sede del Consorzio al Ponte degli Alpini

Caslino al Piano, il cuore del Parco Lura

La zona del Parco fra Lomazzo e Cadorago, fra Caslino e Pugiunate è senza dubbio la più selvatica e tranquilla dell'intero compendio protetto. E' la parte dove ogni accesso veicolare è interdetto e si possono ascoltare i suoni della natura.  

Dalla sede del Consorzio a Caslino al Piano si può scendere in valle attraverso due itinerari assai gradevoli.

il primo attraversa il piccolo borgo e scende nella valle assai profonda, fino a raggiungere un ponte sul fiume, restaurato dal parco, un tempo realizzato dal gruppo Alpini locale. siamo nella parte più selvatica del Parco, il pieno bosco e il Lura si muove placido in uno scenario tranquillo e gradevole. Il sentiero risale sul versante opposto e, a mezza costa, si può scegliere se dirigersi verso sud e raggiungere Cascina Bissago, attraverso un impianto di pini strobi, oppure spostarsi ad oriente per arrivare a Puginate, frazione di Bregnano.

il secondo percorso scende in valle dal laghetto del Pasquè, gestito dai pescatori locali, verso nord per trovarsi in un'ampia piana a prato stabile, immersa nella valle, anche qui assai naturale e selvatica. La pista ciclopedonale scende ulteriorimente fino al fiume, ad attraversarslo su un ponticello, per poi costeggiare il Lura in sponda sinistra orografica. Lungo la valle il Parco ha realizzato una lanca di fitodepurazione sperimentale, per testare l'apporto depurativo di questo tipo di soluzioni naturalistiche. un pannello didattico ne spiega il funzionamento. Il percorso risale poi ripido fino a Bulgorello, frazione di Cadorago. 

E' anche possibile stare alti sopra la valle, dal laghetto del Pasqué e un ulteriore percorso ciclocampestre raggiungerà un sottopassaggio ferroviario realizzato dal Parco, che permette di raggiungere il centro di Cadorago alle spalle della chiesa parrocchiale, con un bel colpo d'occhio sull'intera vallata.

Infine, un sentiero ben tracciato ma esclusivamente pedonale consente di percorrere l'intero tratto di valle a mezza costa nel bosco, in un paesaggio naturale davvero suggestivo, assai insolito per chi è abituato alla densità edilizia della grande metropoli lombarda.

 

la Lura al ponte degli Alpini
la Lura al ponte degli Alpini
(foto di Fabio Lopez)